Alla guida di un'auto con la patente "comprata", La Municipale lo denuncia e gliela ritira

Mercoledì 12 Aprile 2017 - Borghi

È accaduto lo scorso a 11 aprile, poco prima delle 13 quando, durante un normale pattugliamento del territorio di Savignano, gli uomini della Polizia Municipale dell'Unione Rubicone e Mare notavano una autovettura Ford KA che transitava in modo sospetto, a bassissima velocità, nella zona stazione. Gli operatori di Polizia Municipale decidevano così di controllare il conducente. 

 

Il conducente S.T., nato in India a Bahadurpur (IND) il 18 giugno dell'86, consegnava i documenti personali: permesso di soggiorno, carta d'identità e documenti di guida: una patente di inglese. Al controllo della patente saltava subito all'occhio professionale degli operatori un errore nella data di scadenza riportata nel retro in una categoria di veicoli, che - differentemente dalle altre che riportavano l'anno 2023 - era fissata all'anno 2043.

 

Effttuatui, quindi, i necessari controlli - anche utilizzando il microscopio digitale - i vigili accertavano alcune importanti contraffazioni tanto che il conducente, di fronte alla contestazione dei fatti, vistosi scoperto, ammetteva di averla acquistata in Italia da un suo connazionale pagandola 1.000 euro.

 

Gli operatori, a quel punto, provvedevano a deferire in stato di libertà e sequestrare la patente di guida al 31enne di origine indiana contestandogli, inoltre, la violazione amministrativa della guida senza avere mai conseguito la patente ed il relativo fermo della autovettura.

 

Giova precisare che questo tipo di controllo deriva da un sempre più pressante attività di repressione rispetto questo tipo di reati e ad una sempre più pressante attività per il rispetto della sicurezza stradale ed urbana, andando nella direzione indicata dagli ultimi Decreti del Ministero degli Interni.

 

Proprio a questo proposito, seppur con grande sacrificio degli operatori, in quanto sottorganico, saranno ripristinate le sere nei fine settimana per cercare di garantire la presenza sulle strade dell'Unione Rubicone e Mare al fine di prevenire e reprimere tutti quegli eventi criminosi, che si possono presentare.