Censimento del cervo al bramito nel parco nazionale delle Foreste Casentinesi

Venerdì 18 Agosto 2017 - Portico e San Benedetto, Predappio, Rocca San Casciano, Santa Sofia
Foto di repertorio

L'iniziativa torna dal 28 al 30 settembre, aperta agli appassionati di tutta Italia che vorranno dare il proprio contributo. Nelle stesse serate sarà realizzato anche il monitoraggio del lupo attraverso la tecnica del wolf-howling

Torna, dal 28 al 30 settembre, il censimento del cervo al bramito nel parco nazionale delle Foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna, dove sono circa duemila gli esemplari di questo animale, di cui poco meno di 400 sono maschi in età riproduttiva e che saranno coinvolti in un rituale di lotta e corteggiamento. 

Il censimento, svolto di notte anche negli angoli più remoti e selvaggi dell'area protetta, è aperto agli appassionati di tutta Italia che vorranno dare il proprio contributo.
Nelle serate del censimento al bramito sarà realizzato anche il monitoraggio del lupo attraverso la tecnica del wolf-howling. Si procederà utilizzando la rete di rilevazione garantita dai circa 700 operatori distribuiti sul territorio protetto. In programma anche approfondimenti con esperti sulla gestione del cervo, del lupo e della fauna selvatica in generale.

L'iniziativa - realizzata in collaborazione con l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, i reparti carabinieri del Parco nazionale e biodiversità di Pratovecchio, le Regioni Toscana ed Emilia Romagna, l'Unione dei Comuni montani del Casentino e quella dei Comuni Valdarno e Valdisieve, gli Atc di Arezzo e di Forlì Cesena - rientra nell'ambito delle politiche di gestione della popolazione previste dagli enti territoriali e di ricerca riuniti nell'Acater orientale.