Chirurghi otorinolaringoiatri da Singapore a Forlì per conoscere le tecniche robotiche

Martedì 7 Novembre 2017 - Forlì
La delegazione di medici giunta a Forlì dall'Estremo Oriente

Sono tutti ricercatori e docenti universitari, già molto conosciuti nel proprio Paese. La dottoressa Sue Rene Soon si tratterrà per tre mesi

L'Ospedale "Morgani-Pierantoni" di Forlì ospita in questi giorni cinque chirurghi otorinolaringoiatri arrivati da Singapore per apprendere, dal vivo, le tecniche robotiche del trattamento dei disturbi respiratori del sonno e TORS con l'utilizzo del robot "Da Vinci": tutti ricercatori e docenti universitari. Una di loro si fermerà a Forlì tre mesi.

Cinque chirurghi otorinolaringoiatri sono arrivati dalla lontana Singapore all'Ospedale "Morgani-Pierantoni" di Vecchiazzano-Forlì per apprendere, dal vivo, le tecniche robotiche del trattamento dei disturbi respiratori del sonno e TORS con l'utilizzo del robot "Da Vinci": sono tutti ricercatori e docenti universitari, già molto conosciuti nel proprio Paese.

Ci la dottoressa Sue Rene Soon, del Ng Teng Fong General Hospital e Jurong Medical Center, membro del National University Health System di Singapore, che si tratterà per tre mesi a Forlì e che è stata inviata direttamente dalla sua Università all'ospedale forlivese. Ci sono poi il dottor Lau Hung Tuan, consulente associato e chirurgo otorino all'Ospedale di Singapore e il dottor Thong Kim Thye Mark, consulente senior del Dipartimento di Otorinolaringoiatria dell'Ospedale Universitario di Singapore, il dottor Ong Yew Kwang, consulente senior e assisente docente alla Yong Loo Lin School of Medicine di Singapore. Infine il dottor Magherra Ranjit Gabriel chirurgo presso al Ng Teng Fong General Hospital e Jurong Medical Center di Singapore e consulente senior nel Jurong Health Campus. Il dottor Magherra ha una vasta esperienza internazionale nella chirurgia testa- collo e nella tiroide. Per quanto riguarda l’Osas, l’incidenza, a Singapore è del 15-20%, e il percorso proposto al paziente è simile a quello forlivese, con valutazione clinica e polisonnografia, sleep-endoscopy in casi selezionati e opzione chirurgica per quanti non intendono ricorrere alla ventilazione meccanica.