Colf deruba un 90enne di catenine d’oro e 40mila euro: denunciata dai carabinieri di Modigliana

Lunedì 23 Ottobre 2017 - Modigliana
I carabinieri hanno incastrato la badante infedele

Sfruttando la fiducia ottenuta, era riuscita anche a farsi nominare unica beneficiaria del testamento, da cui era esclusa solo la casa

Assunta per assistere l’anziano agricoltore del luogo, una badante 58enne si è resa responsabile di furto ed appropriazione indebita ai danni del proprio assistito, dalla cui abitazione aveva portato via diverse catenine in oro e, in momenti diversi, denaro per un totale di circa 40.000 euro dal conto corrente bancario. 

Al termine di una mirata attività di indagine, i carabinieri di Modigliana hanno deferito in stato di libertà una 58enne del luogo con l’accusa di furto aggravato, appropriazione indebita e circonvenzione di incapace. 

La donna, assunta quale collaboratrice domestica per assistere un agricoltore 90enne del luogo, si era resa responsabile di furto ed appropriazione indebita ai danni del proprio assistito, dalla cui abitazione aveva asportato diverse catenine in oro e, in momenti diversi, denaro per un totale di circa 40.000 euro dal conto corrente bancario.

I carabinieri, dopo una denuncia formalizzata verso la fine dello scorso agosto dalla sorella della vittima, sua coinquilina nello stesso stabile, hanno avviato le verifiche del caso, constatando che la collaboratrice, sfruttando la fiducia concessale nel tempo dall’anziano, sistematicamente, da alcuni mesi effettuava prelievi dell’importo di 2.900 euro cadauno dal conto corrente del 90enne, oltre ad avere effettuato anche dei bonifici a proprio favore.

I militari hanno calcolato che, complessivamente, la donna avrebbe sottratto circa 40.000 euro che poi avrebbe utilizzato per restaurare la propria abitazione. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, i carabinieri hanno recuperato i monili d’oro sottratti, del valore di circa 2.000 euro, oltre ad un atto testamentario con cui l’anziano avrebbe indicato nella badante la sola beneficiaria di tutto il suo patrimonio, ad esclusione dell’abitazione, già promessa con atto redatto diverso tempo addietro, ad un parente. La 58enne è stata denunciata anche per circonvenzione di incapace.