Coopstartup Romagna: al via la formazione per i 21 gruppi selezionati per la seconda fase

Martedì 7 Novembre 2017
L'incontro di presentazione a Forlì

Entra nel vivo la seconda fase di Coopstartup Romagna, il bando per creare nuove cooperative promosso da Legacoop Romagna ed Emilia-Romagna insieme a Coopfond e Coop Alleanza 3.0. Mercoledì 8 e giovedì 9 novembre a Forlì, presso la sede della cooperativa Formula Servizi i rappresentanti dei 21 progetti rimasti in gara dopo la prima selezione saranno protagonisti di un evento di formazione a loro dedicato.

"Sarà una due giorni intensiva che li porterà a entrare nel vivo dei loro business plan, accompagnati da docenti e tutor di livello nazionale", spiega il coordinatore del progetto, Emiliano Galanti.

Molto numerosi i temi affrontati, che vanno dalla sostenibilità del modello imprenditoriale alle peculiarità della forma societaria cooperativa, fino alla gestione del team. Prima di tutto il portavoce di ogni progetto sarà chiamato a effettuare il “pitch”, ovvero una breve presentazione della propria idea imprenditoriale, massimo 3 minuti, potendo contare su un ritorno immediato da parte degli esperti Riccardo Maiolini (John Cabot University) e Paolo Venturi (Aiccon). Si susseguiranno poi gli interventi di Barbara Moreschi (Coopfond), Nunzia Imperato (Demetra Formazione), Monica Bolognesi, Luca Petrone e Riccardo Sabatini (Federcoop Romagna).

Una parte degli incontri sarà dedicata alle ragioni della scelta imprenditoriale cooperativa, con interviste e testimonianze a imprenditori cooperativi di esperienza e startup cooperative nate da precedenti edizioni di Coopstartup. Alfredo Morabito di Coopfond intervisterà Romina Maresi (San Vitale), Graziano Rinaldini (Formula Servizi), Lorenzo Marzolla (Multicoopter Drone) e Filippo Ferrantini (Erse). A introdurre i lavori saranno il presidente di Legacoop Romagna, Guglielmo Russo, e il direttore generale, Mario Mazzotti.

COS’È COOPSTARTUP ROMAGNA

Coopstartup Romagna vuole favorire lo sviluppo di idee innovative negli ambiti settoriali che l’Unione Europea considera prioritari per favorire una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Il bando si è aperto a metà marzo. A disposizione ci sono fino a 48mila euro di premi – 12mila euro per gruppo, fino a un massimo di 4 – sotto forma di fondi e servizi di supporto all’avviamento. Tra gli elementi che vengono giudicati ci sono valore dell’idea, contributo innovativo, qualità del team, creazione di nuovo lavoro, accesso al microcredito e sostenibilità.

Coopstartup Romagna si avvale della collaborazione di numerosi partner territoriali che mettono a disposizione degli aspiranti cooperatori promotori di nuove idee imprenditoriali una rete di servizi, strumenti, competenze e relazioni. Oltre ai promotori, fanno parte della rete iniziale del progetto cooperative, enti e centri di ricerca che, operando sul territorio, ne hanno condiviso il metodo e le finalità. Si tratta di: Aiccon, Apofruit Italia, Aster, CBR, Cento Fiori, CMC, COOP 134, DECO Industrie, Federcoop Nullo Baldini Ravenna, Formula Servizi, Innovacoop, Rete Treseiuno, Zerocento.