Dovadola: completato l'adeguamento della toponomastica e dei numeri civici

Sabato 15 Aprile 2017 - Dovadola
Un esempio della nuova toponomastica di Dovadola

Si sono conclusi a Dovadola i lavori per la messa a norma della numerazione civica e della toponomastica in tutto il territorio comunale, un intervento indispensabile per adeguarsi alle disposizioni di legge con particolare riferimento agli indirizzi ancora legati all'antica numerazione dei poderi che dovevano essere obbligatoriamente ricompresi nelle effettive aree di circolazione e dotati di un toponimo stradale univoco.

Gli aggiornamenti avranno una ricaduta positiva sulla vita dei residenti: dall'iscrizione all'anagrafe e allo stato civile, all'esatta iscrizioni nei ruoli di riscossione delle tasse, alla facilitazione dell'individuazione delle residenze da parte delle aziende che forniscono servizi come Hera, Enel, Poste.

 

"Alle vie di uso pubblico della rete stradale "minore", quella consorziale e vicinale - spiega il sindaco Gabriele Zelli - sono stati attribuiti i toponimi storici da sempre in uso e che nella conoscenza popolare individuano un luogo ben preciso. Si è messa in risalto in questo modo una parte di storia del territorio dovadolese. Non poteva essere diversamente perché le nuove intitolazioni rievocano i nomi dei vecchi poderi, di eventuali attività che in alcuni luoghi vi si svolgevano in passato, oppure la presenza di antichi luoghi di culto. Queste sono le nuove intitolazioni: Burrone, Fornaci Vecchie, Badignano, Marzano, San Ruffillo, Pittarola, Monte Aguto, Meleto, San Martino in Avello, Valle, Villa Renosa, Greppi, Casaccie, Pallareto, Montepaolo, del Giallo, Casella, Vigula, Casetto del Piano, Canova Marvelli, Canova Schiavina, Treggiolo".