Incontro saltato con Roberto Saviano al liceo classico di Forlì, il ministro Fedeli chiude il caso

Martedì 3 Ottobre 2017 - Forlì
Roberto Saviano è stato al centro di un caso per un incontro con gli studenti del Classico annullato il 15 marzo scorso

La titolare del dicastero all'istruzione: "La circolare, rivolgendosi a destinatari già a conoscenza delle modalità organizzative del progetto, è risultata estremamente sintetica e fuorviante, cosi da generare incomprensioni"

Parola fine sulle polemiche seguite all'incontro in programma il 15 marzo scorso, e poi annullato, tra l'autore di "Gomorra" Roberto Saviano e gli studenti del liceo classico Morgagni di Forli'. A chiudere la vicenda e' il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Precisando che il riferimento all'acquisto del testo da parte degli studenti delle classi impegnate nell'iniziativa, contenuto nella circolare del dirigente scolastico, "era indirizzato esclusivamente a coloro che avessero voluto una copia personale a disposizione, senza ricorrere al prestito bibliotecario". 

Dunque, aggiunge, "si ritiene che la vicenda sia stata adeguatamente chiarita e che non ricorrano i presupposti per l'attivazione di ulteriori iniziative in merito".

Il ministro, rispondendo il 28 settembre scorso, a un paio di interrogazioni dei parlamentari Gian Marco Centinaio della Lega Nord e Maurizio Gasparri del Popolo della liberta', riporta le verifiche effettuate dall'Ufficio scolastico regionale secondo le quali la circolare interna 299 "Roberto Saviano a Forli'" inviata dal liceo ai docenti e agli studenti delle classi quarte e quinte "e' risultata, probabilmente rivolgendosi a destinatari gia' a conoscenza delle modalita' organizzative del progetto, estremamente sintetica e fuorviante, cosi da generare incomprensioni".
Il suo scopo era "determinare il numero degli alunni partecipanti secondo le libere adesioni gia' manifestate nell'ambito dei consigli di classe che avevano approvato la partecipazione al progetto".