Locali ex Iat a Cesena: il primo classificato Spada rinuncia, l'affidamento passa a Rosetti

Martedì 13 Giugno 2017 - Bertinoro
Il loggiato del Comune di Cesena (foto d'archivio)

Concluso l'iter per l’assegnazione dello spazio sotto il loggiato del Comune per sei anni, con il compito di trasformarlo in un locale volto alla promozione e valorizzazione dei prodotti tipici e delle specialità enogastronomiche del territorio

Con la rinuncia del primo classificato Lorenzo Spada, titolare della Maison Lulù, e la successiva individuazione del secondo classificato Simone Rosetti della Ca’ de Bè di Bertinoro come aggiudicatario, sembra arrivato a conclusione l’iter del bando per l’affidamento dei locali Ex Iat a Cesena. A darne notizia il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alla Cultura e Turismo Christian Castorri in una lettera inviata ai Consiglieri comunali subito dopo la pubblicazione della determina che recepisce il nuovo quadro. 

Nella loro comunicazione, sindaco e assessore indicano anche le successive tappe del percorso: il nuovo aggiudicatario Simone Rosetti avrà 30 giorni di tempo per sottoscrivere il contratto, che prevede l’assegnazione dello spazio sotto il loggiato del Comune per la durata di sei anni, con il compito di trasformarlo in un locale volto alla promozione e valorizzazione dei prodotti tipici e delle specialità enogastronomiche del territorio, a fronte di un canone annuo di 12mila euro, sulla base dell’offerta economica da lui presentata.

Il sindaco Lucchi e l’assessore Castorri riferiscono che Rosetti è già stato direttamente informato di questo nuovo sviluppo ed ha accolto la notizia positivamente.