Modigliana presenta il suo territorio e i suoi nuovi vini sabato 9 e lunedì 11

Venerdì 8 Settembre 2017 - Modigliana
Una veduta dall'alto di Modigliana, la Stella dell'Appennino

Sull’Appennino forlivese due giornate dedicate a giornalisti, ristoratori, enotecari e wine lovers

Dodici produttori, un territorio, un evento di presentazione dei Sangiovese Romagna Modigliana 2016, un convegno sulla sfida del Sangiovese in Appennino, che vedrà la presenza e un intervento, tra gli altri, del Prof. Giampiero Maracchi, Presidente dell’Accademia dei Georgofili. Modigliana, la Stella dell’Appennino, si candida a diventare il territorio di riferimento di tutta la Romagna del vino. Lo fa con i vini sottili, eleganti e freschi che nascono da suoli, unici in Romagna, di marne e arenarie. Doppio appuntamento quindi sabato 9 e lunedì 11 settembre, il primo dedicato ai giornalisti italiani e stranieri e il lunedì a ristoratori, enotecari e wine lovers (entrambe le giornate sono aperte anche al pubblico).

Quella della vite che conquista un nuovo terroir e colonizza di nuovo l'Appennino è un tema importante e una grande opportunità per la Romagna.

A presentare l’annata 2016 ci saranno Giorgio Melandri, wine writer che per primo ha intuito le potenzialità delle vigne piantate in alto in Appennino, e Francesco Bordini, agronomo e wine maker emergente.

 

Si parte sabato alle 11 con il convegno Sangiovese in Appennino, una sfida”, organizzato nell’ambito della Tornata dell’Accademia degli Incamminati  (Auditorium del Tempio, Corso Garibaldi, 34/B). Moderati dal giornalista Mario Russomanno, interverranno: Giorgio Melandri, giornalista enogastronomico e degustatore «Modigliana: una questione di linguaggio»; Giuseppe Sangiorgi, giornalista «Le origini del Sangiovese un’ipotesi», Giampiero Maracchi, Presidente dell’Accademia dei Georgofili «I cambiamenti climatici e l’influenza degli stessi sull'agricoltura», Alessandro Liverani «La geologia, la pedologia e le iterazioni della viticoltura con l'ambiente forestale nelle Valli di Modigliana», Vittorio Fiore, enologo «L’inizio di una scommessa», Francesco Bordini, agronomo «La vitivinicoltura nelle Valli di Modigliana, il progetto Modigliana DOC»; Gianmatteo Baldi, manager nel settore vitivinicolo «Il Sangiovese: mercato ed i nuovi gusti».

 

Alle ore 16 si prosegue con la presentazione ai giornalisti dell’annata 2016 a cura di Giorgio Melandri, con un intervento sul territorio a cura di Francesco Bordini. I banchi di assaggio resteranno aperti all’interno del Mercato Coperto (in centro a ridosso della Tribuna) fino alle 19. Si potranno degustare i Modigliana 2016, le Riserve Modigliana 2014 e tutti i vini di Modigliana (in totale circa 50).

 

Lunedì 11 si riparte con una giornata dedicata ai ristoratori e ai wine lovers. Banchi d’assaggio al mercato coperto dalle 11 alle 19 con la possibilità di pranzare (su prenotazione) mangiando la fiorentina alla brace cotta sul posto dalla Pro Loco di Modigliana. L’ingresso ai banchi d’assaggio è libero.

 

«Modigliana, ha evidenziato una vocazione eccezionale alla qualità e sui suoli poveri di marne e arenarie regala vini eleganti e dalla incredibile longevità. Un terroir unico e prezioso, la scoperta di un sangiovese che farà strada», sottolinea Giorgio Melandri che qui ha voluto firmare anche una sua piccola produzione che esce con il marchio Mutiliana.
«Il carattere del sangiovese di Modigliana è elegante, austero, con un frutto che indugia sui richiami minerali e con una bocca sapida e tagliente. Sono vini da attendere nel tempo, sempre sottili e vibranti, figli dei terreni poveri di questo territorio che si articola su tre valli che salgono in Appennino: Ibola restituisce i vini più sottili e salati, verticali e chiusi; Tramazzo è una valle che consegna i vini più eleganti e delicati, finissimi; Acerreta è invece la valle più ricca di argilla e i vini si esprimono su una trama tannica più fitta e sono materici e carnosi», prosegue Emilio Placci che con la longevità dei suoi Sangiovese sta meravigliando la comunità del vino italiano.

 

«Quella di Modigliana è una identità originale, lontana da quella classica romagnola di vini prodotti sulle argille e noi su questa diversità stiamo costruendo un racconto nuovo, che mette il territorio (e non il marchio) al primo posto e “viaggia” in Appennino fino ai 600-700 metri di quota», spiega Francesco Bordini, agronomo, wine maker e titolare di Villa Papiano. «La storia della qualità, già dagli anni ’70 con la incredibile storia dei Ronchi di Castelluccio firmati da Gian Vittorio e Gian Matteo Baldi, è passata di qui. Oggi la stiamo rilanciando, complice una rinnovata sensibilità del mercato per i vini eleganti e freschi, sottili eppure complessi», conclude Maurizio Costa, imprenditore dalle origini romagnole che con la sua Torre San Martino sta conquistando i locali più prestigiosi di Montecarlo, Londra e New York.

 

L’iniziativa è promossa dai produttori di Modigliana (Balia di Zola, Cà Nova, Cantine Intesa, Casetta dei Frati, Castelluccio, Lu.Va., Mutiliana, La Pistona, Il Pratello, Il Teatro, Torre San Martino, Villa Papiano), in collaborazione con la Pro Loco, il Comune di Modigliana e l’Accademia degli Incamminati.

 

Per informazioni sull’evento e prenotazione cena: stelladellappennino@gmail.com, cell. 328 9733086