MotoGp / Gp San Marino e Riviera di Rimini: Andrea Dovizioso comincia le libere con il terzo tempo

Venerdì 8 Settembre 2017 - Forlì, Forlimpopoli
Il cartello del team Ducati a Misano con la scritta "Desmo Dovi"

Il più veloce della prima giornata di prova a Misano è Danilo Petrucci (Ducati Pramac) che precede di pochissimo Vinales (Yamaha) e il forlivese, leader in classifica

Dominio italiano nel venerdi' di prove libere del Gran Premio di San Marino e Riviera di Rimini sul circuito di Misano, intitolato a Marco Simoncelli. Danilo Petrucci in sella alla Ducati del Pramac Racing e' stato il piu' veloce nella classe regina (3° tempo per Andrea Dovizioso), mentre il riccionese Mattia Pasini e Fabio Di Giannantonio comandano la classifica dei tempi combinati di Moto2 e Moto3. Nonostante il grande assente, Valentino Rossi, bloccato a casa a Tavullia per la convalescenza della frattura rimediata alla gamba destra il 31 agosto mentre si allenava in enduro, la prima giornata e' stata abbastanza combattuta. 

Al mattino sulla pista un po' umida per la pioggia e la grandine caduta in nottata, in MotoGp si era fatto vedere Marc Marquez che con il suo 1'33"556, aveva lasciato a 4 decimi Michele Pirro e a sei il forlivese Andrea Dovizioso. Ducati in grande spolvero con Danilo Petrucci quinto davanti a Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Maverick Vinales, tutti racchiusi in un secondo. Al pomeriggio e' il pilota ternano a mettersi tutti dietro, girando con la nuova carena usata dalle Desmosedici ufficiali, al termine di un duello che ha visto impegnate anche le tre GP17 ufficiali e le Honda Hrc. Alla fine, la meglio l'ha avuta Petrux con 1'33"231. Alle sue spalle, piu' lento per soli 5 millesimi si e' inserito Maverick Vinales con l'unica Movistar Yamaha in pista. A 63 millesimi si piazza il leader della classifica iridata Andrea Dovizioso.
La prima delle Repsol Honda Hrc a fine giornata e' quella di Dani Pedrosa, quarto a a poco piu' di un decimo da Petrucci. Il campione del mondo, scivolato alla curva 16 e' tornato ai box per montare sulla seconda moto, ma senza riuscire a migliorarsi. Marc Marquez lo segue a 129 millesimi e precede di 70 la Honda LCR di Cal Crutchlow. Il britannico era caduto ad inizio sessione alla curva 15. Settimo Michele Pirro davanti a Jorge Lorenzo con le altre due Ducati factory. A chiudere la Top10 la Suzuki di Andrea Iannone e la Honda di Tito Rabat. Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini) e' sceso in pista con una nuova carenatura aerodinamica. Il catalano ha chiuso le prime libere come undicesimo.

In Moto2 Mattia Pasini (Italtrans) realizza il miglior tempo con 1'38"061, lasciando a 65 millesimi il leader della classifica Franco Morbidelli. Terzo tempo per il giapponese Takaaki Nakagami a 241 millesimi da Pasini. Lo svizzero Thomas Luthi e' sesto a quattro decimi, davanti a Francesco Bagnaia (Sky Racing Team Vr46) e Simone Corsi (Speed Up). Decimo tempo per Lorenzo Baldassarri (Forward Racing).

In precedenza, in Moto3, Fabio Di Giannantonio, in sella alla Honda del team Del Conca Gresini, gira in 1'42"620, abbassando di 4 secondi il tempo ottenuto in FP1 da Canet. Di appena 71 millesimi piu' lento Jorge Martin, terzo crono per Enea Bastianini a 0"169 mentre Romano Fenati e' quinto, a 0"476. Nella Top Ten dei tempi anche Niccolo' Antonelli (nono a 0"833) e Marco Bezzecchi (decimo a 0"892).