Procede con successo a Forlì e Forlimpopoli la raccolta di farmaci riutilizzabili

Venerdì 17 Novembre 2017 - Forlì, Forlimpopoli

Da marzo a settembre 2017) negli appositi contenitori verdi delle 30 farmacie aderenti all’iniziativa dei due Comuni sono stati depositati ben 405,05 kg di farmaci di cui 340 kg utilizzabili

E' stata siglata nel marzo scorso la nuova Convenzione “FarmacoAmico” - l'iniziativa sperimentale per la raccolta separata e il riutilizzo dei farmaci non scaduti a sostegno delle fasce più deboli della popolazione e per la riduzione della produzione di rifiuti avviati a smaltimento - che ha visto entrare nel progetto anche il Comune di Forlimpopoli con le sue tre farmacie: Comunale di Forlimpopoli, Farmacia Fabbri e Farmacia Tognoli.

Il progetto, promosso dalle Amministrazioni Comunali di Forlì e Forlimpopoli, dall’Associazione di volontariato Comitato per la Lotta contro la fame nel Mondo e dal Gruppo Hera, che vede il coinvolgimento di numerosi altri soggetti locali, quali la Caritas di Forlì, Forlìfarma, Federfarma di Forlì, gli Ordini dei Farmacisti e dei Medici Chirurghi/Odontoiatri di Forlì-Cesena e l’Azienda Usl della Romagna – Forlì, promuove la raccolta dei farmaci non scaduti a sostegno delle fasce più deboli della città.

Negli ultimi 6 mesi (da marzo 2017 a settembre 2017) negli appositi contenitori verdi delle 30 farmacie aderenti all’iniziativa del Comune di Forlì e Forlimpopoli sono stati depositati ben 405,05 kg di farmaci di cui 340 kg utilizzabili.
‘Farmaco Amico’ - coerentemente con l’art. 3 della Direttiva 2008/98/CE (recepito dal Governo Italiano col D. Lgs 3 dicembre 2010 n. 205), e con la Legge Finanziaria 2008 Legge 244 del 24 dicembre 2007) sul riutilizzo dei farmaci in corso di validità - rappresenta un’azione concreta per la prevenzione e il riutilizzo dei rifiuti, per l’estensione del ciclo di vita dei beni e, soprattutto, il riutilizzo per la stessa finalità per cui sono stati concepiti.
Questo progetto si sta realizzando perchè si inserisce pienamente in un’esperienza concreta di collaborazione finalizzata alla responsabilità sociale condivisa a livello territoriale: istituzioni, imprese, società civile condividono, infatti, un’iniziativa che coniuga la sostenibilità (meno rifiuti) e la solidarietà (più aiuti ai bisognosi).

Un riconoscimento speciale va attribuito ai Farmacisti, protagonisti in tutte le fasi di realizzazione di questo progetto, e all'Ordine dei Farmacisti della Provincia di Forlì-Cesena che purtroppo è stato colpito da un grave lutto, la morte del Presidente Dott. Ivano Alessandrini che è stato fra i primi a sostenere “FarmacoAmico”.

Ringraziando tutti per la disponibilità dimostrata, i promotori intendono rimarcare "l’importanza, da parte dei cittadini, di un'attenzione sempre maggiore a questa iniziativa, che costituisce contemporaneamente una lotta allo spreco ed un fondamentale aiuto per chi non può permettersi di comperare neanche medicine" ma anche le modalità di raccolta dei farmaci non scaduti.

ISTRUZIONI PER IL DONO I farmaci in confezioni integre ed ancora in corso di validità, possono essere depositati dai cittadini negli appositi contenitori verdi messi a disposizione da Hera e situati all’interno delle farmacie comunali e private di Forlì e Forlimpopoli aderenti al progetto. Tali contenitori sono ben distinti da quelli per farmaci scaduti, destinati allo smaltimento, e hanno caratteristiche tali da impedire a soggetti non autorizzati la possibilità di recuperare il materiale in essi inserito. Per poter essere riutilizzati, i farmaci dovranno avere dei precisi requisiti, tra i quali essere in corso di validità e avere confezioni in uno stato perfetto di conservazione, con lotto e scadenza perfettamente leggibili. I principi attivi presenti nei farmaci che si intendono utilizzare saranno principalmente: antibiotici, vitamine, mucolitici, dermatologici (creme). Saranno invece esclusi i medicinali che richiedono particolari precauzioni per la loro conservazione, come la catena del freddo, stupefacenti e quelli di solo impiego ospedaliero.