Processo Cagnoni, parla Stefano Bezzi, il nuovo compagno di Giulia: "Era seguita, aveva paura"

Venerdì 10 Novembre 2017

È ripreso dopo una pausa di 15 minuti il lungo interrogatorio di Stefano Bezzi, nuovo compagno di Giulia Ballestri, la giovane donna trovata uccisa a colpi di bastone nella casa di via Padre Genocchi a Ravenna nel settembre dello scorso anno, omicidio per il quale è imputato il marito, Matteo Cagnoni. Bezzi è il testimone protagonista della quarta udienza del processo, iniziata questa mattina alle 9.30 nelle aule del tribunale di Ravenna, di fronte ad un pubblico oceanico.

Le domande che gli ha rivolto il Pubblico Ministero hanno mirato a ricostruire il suo rapporto con Giulia Ballestri, dall'inizio della loro storia fino agli ultimi giorni di vita della donna. Come già dichiarato precedentemente agli inquirenti, Bezzi ha confermato che il loro rapporto era scaturito dagli incontri quotidiani che avevano, portando i figli a scuola. Inizialmente era partito come un'amicizia, in cui si dicuteva principalmente dei figli, poi era cresciuta la confidenza, fino a diventare un amore.

Il nuovo compagno della vittima ha inoltre rimarcato che Giulia Ballestri era controllata e pedinata dal marito e che viveva in una condizione di paura. Entro la fine della quarta seduta, Stefano Bezzi verrà poi controinterrogato dagli avvocati della difesa di Cagnoni e dai legali di parte civile.