RC Auto. CNA Forlì-Cesena scrive alle assicurazioni: "Rispettare libertà di scelta del riparatore"

Martedì 6 Novembre 2018
Daniele Mazzoni, responsabile del settore Servizi alla comunità di CNA Forlì-Cesena

CNA scrive al mondo assicurativo, con un richiamo formale al rispetto ed all’applicazione delle novità introdotte dalla Legge 124/2017, meglio conosciuta come legge sulla Concorrenza in materia di RC Auto. In pratica, ad oltre un anno dalla introduzione della legge, continuano ad esistere polizze che vietano la cessione del credito, ledono il diritto alla libertà di scelta dell’automobilista relativamente al riparatore di propria fiducia ed all’integrale risarcimento del danno. 

Per chiarezza, l’art. 148 recita che “resta ferma per l’assicurato la facoltà di ottenere l’integrale risarcimento per la riparazione a regola d’arte del veicolo danneggiato, avvalendosi di imprese di autoriparazione di propria fiducia……che fornirà documentazione fiscale ed idonea garanzia sulle riparazioni, non inferiore ai due anni…”

 

“La normativa – afferma Daniele Mazzoni, responsabile del settore Servizi alla comunità di CNA Forlì-Cesena – non si presta a dubbi interpretativi, né in relazione all’entità del risarcimento né in merito alla scelta dell’autoriparatore. La stessa cessione del credito, espressamente citata all’art. 149 bis, viene di fatto riconosciuta come strumento che, a fronte di regolare fattura, consente il pagamento diretto all’autoriparatore”.

 

Pochi giorni fa le associazioni artigiane, quelle dei consumatori ed ANIA (imprese di assicurazioni), hanno avviato i lavori per la ridefinizione delle linee guida relative alla riparazione a “regola d’arte”, le cui caratteristiche tecniche saranno oggetto di un apposito incontro da tenersi entro novembre 2018 per rispondere ad un mercato della riparazione sempre più competitivo, più rispettoso delle norme, sicuro, trasparente e per la tutela della sicurezza stradale.