Si torna a scuola e riparte in regione il progetto sulla corretta alimentazione

Giovedì 14 Settembre 2017 - Forlì
Il progetto Educazione alla Campagna Amica vuole far riscoprire il ruolo dell'agricoltura

Secondo Coldiretti, in Emilia-Romagna quattro consumatori su dieci hanno acquistato direttamente dagli agricoltori nei primi sei mesi del 2017

In Emilia Romagna più di 4 consumatori su 10 (43%) hanno fatto acquisti direttamente dagli agricoltori. È quanto risulta da una stima di Coldiretti regionale nei primi sei mesi del 2017. Il dato è in linea con il settimo rapporto su “Gli Italiani e l’agricoltura” realizzata da Fondazione UniVerde e Ipr Marketing in collaborazione con Coldiretti e Fondazione Campagna Amica da cui risulta che il 90% dei consumatori vorrebbe avere un mercato di agricoltori vicino casa per avere più possibilità di scelta e di acquisto.


Il rapporto ha rilevato che il 78 % degli italiani ritiene che gli agricoltori svolgano un ruolo positivo rispetto all’ambiente perché fanno manutenzione del territorio contro frane e allagamenti, impediscono la cementificazione, coltivano biologico, danno lavoro, tengono viva la tradizione agricola.

È anche da questi dati che prende le mosse con l’avvio dell’anno scolastico 2017-2018 il programma di Educazione alla Campagna Amica promosso da Coldiretti Donne Impresa che da oltre dieci anni coinvolge migliaia di alunni delle scuole dell’infanzia e le primarie e secondarie di primo e secondo grado di tutta l’Emilia Romagna, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale. Il programma quest’anno avrà per tema: “Un tempo per ogni cosa. I ritmi dell’agricoltura come guida ad una corretta alimentazione e al rispetto dell’ambiente”. L’obiettivo è avvicinare bambini e ragazzi al mondo agricolo e rurale per favorire la conoscenza della stagionalità dei prodotti, i sani stili alimentari, il consumo consapevole del cibo, il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Con l’aiuto di esperti di Coldiretti, Educazione alla Campagna Amica intende promuovere nelle scuole la cultura del territorio e far riscoprire il ruolo dell’agricoltura sia per la gestione dell’ambiente, sia per la produzione dei prodotti tipici, che nella nostra regione può contare su 44 prodotti a denominazione d’origine e 387 prodotti iscritti all’albo nazionale dei prodotti tradizionali.

Alle scuole che aderiranno al progetto verranno distribuiti una dispensa con approfondimenti e spunti operativi sulla stagionalità delle produzioni agricole, il benessere e l’importanza della ciclicità delle colture. Su richiesta degli insegnanti potranno essere organizzati nell’arco dell’anno incontri in classe con gli esperti di Coldiretti, produttori agricoli e visite guidate in aziende agricole, fattorie didattiche e farmer’s market.

L’attività formativa si concretizzerà con elaborati (disegni, testi, audiovisivi) con cui le scuole parteciperanno al concorso di Campagna Amica che premerà i migliori lavori, prima a livello provinciale e poi in una finale regionale.