Successo per il primo appuntamento dei piccoli violinisti in Pediatria a Forlì

Mercoledì 31 Maggio 2017 - Forlì, Predappio
I baby violinisti di Predappio in Pediatria a Forlì

Si sono esibiti gli allievi della Scuola Media Publio Virgilio Marone di Predappio

Grande successo di pubblico per il primo appuntamento musicale dei piccoli violinisti della Scuola Media Publio Virgilio Marone di Predappio nella Pediatria dell'ospedale di Forli. All'iniziativa, organizzata dalla scuola Publio Virgilio Marone di Predappio, in collaborazione con Ausl Romagna Cultura, hanno partecipato gli allievi di violino della prof.ssa Marta Donati. Erano presenti anche la Dirigente Scolastica Roberta Ravaioli, il direttore dell'ospedale, dottor Paolo Masperi, e il Vicesindaco di Predappio Chiara Venturi.

L'appuntamento fa parte di un progetto più ampio "con obiettivi di inclusione e cittadinanza volti alla promozione dell'altruismo e della solidarietà con ricadute sul territorio". 
Nell'arco di questo anno scolastico è previsto un unico incontro di apertura del progetto che ha preso avvio con il primo appuntamento odierno.
 
«La musica e la musicoterapia vengono ormai ampiamente utilizzate come modalità non farmacologiche di intervento in differenti ambiti clinici e in setting terapeutici di varia natura - ricorda la prof.ssa Marta Donati - La distinzione fondamentale negli approcci con la musica è data da interventi basati sull’ascolto musicale piuttosto che su tecniche attive in cui è prevista l’interazione attraverso l’utilizzo di strumenti musicali tra il terapeuta e il paziente. La sinergia suono-relazione costituisce il punto centrale dell’intervento che è volto a sviluppare le potenzialità comunicative e a facilitare l’espressione-regolazione della componente emotiva. L’utilizzo della musica in ambito oncologico ha evidenziato effetti soprattutto su alcuni aspetti psicologici correlati alla condizione clinica, in particolare su ansia, stress, umore e qualità di vita. Altri effetti sono stati riscontrati sulla componente comunicativo-relazionale (riduzione dell’isolamento, supporto sociale, etc.) e su sintomi fisici quali fatica, dolore e nausea. Gli studi riguardano adulti ma anche pazienti pediatrici».
 
«Le caratteristiche dell'ascolto musicale e della musicoterapia attiva e i risultati conseguiti - prosegue la prof.ssa - rendono l’intervento particolarmente indicato in ambito pediatrico. Un recente studio mostra inoltre che i pazienti esprimono una significativo apprezzamento sia nei confronti di un approccio attivo che rispetto a quello basato sull’ascolto musicale».
 
Ecco i nomi dei piccoli "violinisti" che si sono esibiti:
classe I: 

Alesya Quylafi, 

Damiano Molinaro, 

Pietro Saragoni, 

Tommaso Flamigni; 

Classe II: 

Matteo Bravaccini, 

Federico Conti, 

Liviu Risnic, 

Omar Ayada, 

Tommaso Serri

Emi Camporesi, Alessandro Campana, Alexandru Peter; Classe III: Sebastiano Pampiglione, Leonardo Ghetti, Chiara Tronchi, Matilde Agrimi, Anita Nannini, Ramon Menghi.

Docente Preparatore e Responsabile del Progetto Musica eRapporti Virtuosi Col Territorio prof.ssa Marta Donati