Trovato morto in fondo a un dirupo a Modigliana un pellegrino che stava camminando verso Assisi

Giovedì 7 Settembre 2017 - Dovadola, Modigliana
Le riceche dell'uomo disperso si sono svolte anche con l'elicottero dei vigili del fuoco (Foto d'archivio)

L'allarme era scattato mercoledì sera quando l'ultraottantenne straniero, partito da Montepaolo di Dovadola, non si era presentato al rifugio dove lo attendevano: il suo corpo privo di vita scoperto nella zona di Monte Forcella

Dopo ore di ricerche lo hanno trovato privo di vita in fondo ad uno scosceso dirupo. E' la fine di un ultraottantenne pellegrino straniero, che stava percorrendo il 'Cammino d'Assisi', percorso di preghiera che da Montepaolo di Dovadola si snoda per la Romagna, la Toscana e l'Umbria per giungere ad Assisi.

L'allarme è scattato attorno alle 21.30 di ieri - mercoledì 6 settembre - quando al rifugio dove dovevano giungere due pellegrini non si è presentato l'anziano. Le ricerche, da parte dei vigili del fuoco e dei carabinieri, hanno dovuto fare i conti con le tenebre notturne e il terreno particolarmente scosceso e pericoloso.

All'alba è scattato il dispositivo delle ricerche, anche con l'ausilio dell'elicottero dei vigili del fuoco. Ricerche terminate attorno alle 10.30, quando il cadavere dell'anziano pellegrino è stato trovato in fondo ad un dirupo, nell'area del sentiero di pellegrinaggio, nella zona di Monte Forcella, nel comune di Modigliana. Resta da stabilire se l'uomo sia rimasto vittima di una caduta accidentale o di un malore.