Ultrasonologia vascolare, innovazione e alta formazione al Ceub di Bertinoro

Martedì 4 Aprile 2017 - Bertinoro
Il professor Alfio Amato

Il corso si svolgerà da mercoledì 5 a sabato 8 aprile. All'evento parteciperanno circa 90 specialisti provenienti da tutta Italia

Il Centro Universitario di Bertinoro consolida la propria vocazione quale location per eventi formativi di altissimo profilo in ambito sanitario. Dal 5 all’ 8 aprile, infatti, è in programma il XV corso nazionale di ultrasonologia vascolare: diagnosi e terapia, promosso dal professor Alfio Amato (angiologo e docente di neurosonologia all’Università di Bologna) e dal professor Paolo Limoni (neurochirurgo e neurologo ) con il supporto organizzativo di Avenue Media.


All’evento parteciperanno circa 90 specialisti (angiologi, neurologi, nefrologi, specialisti in medicina interna e cardiologi) provenienti da tutta Italia
, al fine di approfondire le innovazioni connesse all’ultrasonologia vascolare, ovvero l’utilizzo dell’ecografia in abbinamento con il segnale Doppler, al fine di valutazioni sui flussi sanguigni, indispensabili per verificare se nel paziente sono presenti patologie, fra cui, la trombosi, i restringimenti e le presenze di placche di arteriosclerosi, cause principali di ischemie e ictus.

“Attualmente – spiega il professor Alfio Amato – l’esame clinico maggiormente diffuso è l’EcoColorDoppler, ovvero un’ecografia, tramite la quale, grazie a mappe colorate, è possibile verificare il flusso sanguigno in circolo a partire dalle arterie celebrali, fino all’aorta e agli altri vasi presenti nel corpo umano. Durante le giornate formative di Bertinoro si porrà l’attenzione anche sul Doppler Transcranico, ovvero un’innovazione tramite la quale è possibile evidenziare, tramite un’esplorazione sanguigna, un’anomala comunicazione intercardiaca, il cosiddetto Forame Ovale, salito, qualche anno fa, all’onore delle cronache, in quanto fu la causa del malore del calciatore Antonio Cassano, poi opportunamente risolto tramite una soluzione di chiusura, comunemente definita ‘ombrellino’. Altri aspetti innovativi che verranno trattati riguardano l’introduzione di particolari sostanze, che, una volta iniettate nel paziente, favoriscono la verifica dei flussi sanguigni, specie sugli organi di dimensioni più grandi, in zone complesse interne alla testa o anche nell’aorta dopo intervento di applicazione di protesi vascolari. Discorso a parte quello che riguarda le terapie: approfondiremo lo studio sui NAO (Nuovi Anticoagulanti Orali), alternativi al tradizionale Coumadin, per scoagulare il sangue, al fine di trattare o prevenire trombosi venose e l’embolia polmonare o di intervenire a livello cardiaco in presenza di fibrillazione atriale”.

L’evento avrà anche un’interessante appendice riservata ai giovani ricercatori sotto i 35 anni, che sono stati invitati a presentare i propri lavori scientifici su tali materie, per concorrere al premio intitolato a Leoni Poli, uno dei massimi esponenti italiani sulla ricerca sugli ultrasuoni in ambito vascolare. Infine, nell’ultima giornata dell’evento è previsto anche il XVII corso teorico pratico di Color Doppler vascolare, riservato a tecnici di neurofisiopatologia, infermieri e fisioterapisti, che affronterà, fra le altre cose, anche il tema della morte celebrale, assai importante nell’ambito della trapiantologia.

Tutto il materiale riguardante l’evento ed il programma scientifico sono consultabili sul sito www.bertinoroultrasuoni.it.